Russia, venti di guerra civile: la brigata Wagner si ribella al Cremlino

Foto dell'autore

By Paolo Colantoni

News

Yevgeny Prigozhin, leader dell’esercito dei mercenari, annuncia di marciare verso Mosca: “Non credete a tutto quello che vi dice la tv di Stato”

Situazione caldissima in Russia, dove l’ombra della guerra civile sembra ormai dietro l’angolo. Dopo un anno e mezzo dall’inizio della guerra in Ucraina, la situazione interna è incandescente. Il leader della brigata Wagner Yevgeny Prigozhin, marcia spedito verso Mosca e lancia un appello a “fermare” il comando militare del Cremlino, affermando di avere 25mila uomini e invitando i russi, in particolare i soldati, a unirsi a loro. “Non è un colpo di Stato militare – dice – ma una marcia della giustizia”. 

Prigozhin, leader del gruppo Wagner ha annunciato di marciare verso Mosca – Ricercaitaliana.it- Ansa Foto

Prigozhin ha chiesto ha chiesto una ribellione armata per spodestare il ministro della Difesa russo ed ha confermato in un video che lui e le sue truppe hanno raggiunto Rostov-on-Don. La città ospita il quartier generale dell’esercito russo che supervisiona i combattimenti in Ucraina. Yevgeny Prigozhin ha affermato sabato che le sue forze hanno attraversato la Russia dall’Ucraina, dove hanno svolto un ruolo cruciale nella guerra. Il video pubblicato sui social media è stata la prima conferma della sua presenza a Rostov. Da tempo è in lotta con il Ministero della Difesa che ha accusato di aver  ordinato un attacco al suo esercito in Ucraina.

“Abbiamo preso l’aeroporto sotto controllo in modo che l’aviazione d’attacco non colpisca noi, ma gli ucraini”, ha detto Prigozhin. Ha quindi invitato i russi a non credere a ciò che viene detto dalla tv di Stato. “Quando vi dicono che la Wagner ha interferito con il lavoro ed è per questo che qualcosa sul fronte è crollato…Le cose sul fronte non sono crollate per questo motivo”, ha proseguito. “È stata persa un’enorme quantità di territorio. Il numero di soldati uccisi è di tre, quattro volte di più di quanto si legge nei documenti mostrati ai vertici”, ha aggiunto. Prigozhin ha affermato che il capo di Stato Maggiore russo Valery Gerasimov “è scappato da qui quando ha scoperto che ci stavamo avvicinando all’edificio”. Le autorità di Rostov hanno invitato i residenti a rimanere a casa.

La Wagner ha abbattuto un aereo russo

Il leader della Brigata Wagner si scaglia contro il Cremlino – Ricercaitaliana.it-

Il leader della Wagner ha anche annunciato di aver abbattuto un aereo russo. “Un elicottero ha appena aperto il fuoco contro una colonna di civili. È stato abbattuto da unità della Wagner”, ha detto Prigozhin in un nuovo messaggio audio. Non ha fornito alcun dettaglio. Prigozhin in precedenza aveva affermato che le sue unità, che per mesi hanno guidato un assalto nell’Ucraina orientale, erano entrate nella regione russa meridionale di Rostov. Al fianco di Prigozhin, si schiera Mikhail Khodorkovsky, oppositore e uomo d’affari russo, da tempo in lotta contro Putin e costretto all’esilio. L’uomo ha chiesto di aiutare il leader del gruppo Wagner,  nella ribellione contro l’esercito russo, per combattere il regime di Vladimir Putin. “Sì, anche il diavolo dovrebbe aiutarlo se decidesse di andare contro questo regime!  Se questo bandito (Prigozhin, ndr) vuole disturbare (Putin), non è il momento di fare , ora dobbiamo aiutare”, ha scritto su Telegram,non è il momento di storcere il naso, ora dobbiamo aiutarlo”.

Mosca ordina misure anti terrorismo

Immediata la reazione del sindaco di Mosca Sergei Sobyanin, che ha annunciato che nella capitale russa si stanno adottando misure “antiterrorismo” dopo che il capo del gruppo mercenario Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha dichiarato ufficialmente guerra ai vertici militari del Paese. “In relazione alle informazioni che giungono a Mosca, si stanno adottando misure antiterrorismo con l’obiettivo di rafforzare la sicurezza”, ha detto sui social. Nel frattempo Prigozhin ha incontrato a Rostov-sul-Don il vice ministro della Difesa russo Yunus-Bek Evkurov e il vice capo di stato maggiore Vladimir Alekseev. Momenti dell’incontro sono stati pubblicati in un video diffuso stamattina da un canale Telegram che fa capo al gruppo Wagner. Prigozhin ha affermato che fino a quando “non avra’” il capo di Stato maggiore Valery Gerasimov e il ministro della Difesa Sergei Shoigu, i suoi mercenari “bloccheranno la citta’ di Rostov” e “andranno a Mosca”

L’ordine di Putin

“Difenderemo il nostro popolo e il nostro Stato da qualsiasi tradimento”, ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, in un discorso alla nazione in diretta tv dopo la ribellione del capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin. “Adesso si decide il destino del nostro popolo”, ha aggiunto.

Impostazioni privacy